Percorso

PCAC 19

Ḥunayn ibn Isḥāq, La durata dell’esistenza (kitāb al-aʿmār wa-l-aǧāl); Come si dimostra la verità delle religioni (kayfiyyah idrāk ḥaqīqah al-diyānah); Epistola a ʿAlī ibn Yaḥyā in cui si menziona quanto è stato tradotto dei libri di scienza di Galeno e parte di ciò che non è stato ancora tradotto), testo arabo a cura di Samir Khalil Samir, traduzione e note a cura di Rosanna Budelli

 

 

Ḥunayn Ibn Isḥāq è noto come il più importante traduttore di opere dal greco in arabo agli albori dell’Islam. Intellettuale e scienziato di fede cristiana, Ḥunayn contribuì enormemente allo sviluppo della civiltà arabo-islamica, grazie alla sua opera di trasmissione del sapere dal mondo greco al mondo arabo. All’incrocio di più culture e più lingue, i cristiani arabi e siriaci giocarono un ruolo fondamentale nella circolazione della scienza e della filosofia nei territori dominati dal califfato abbaside. In qualità di medico, Ḥunayn lavorò a lungo a Baghdad, alla corte dei califfi del tempo. In questo libro pubblichiamo L’Epistola di Ḥunayn Ibn Isḥāq a ‘Alī Ibn al-Munajjim, con l’elenco completo delle opere galeniche da lui tradotte, e due suoi piccoli trattati di contenuto apologetico e religioso (Come si dimostra la verità delle religioni e La durata dell’esistenza) che ci consentono di conoscere il suo pensiero su argomenti sensibili e ancora oggi attuali.